30 Nov

Libano: incontro dei Definitori

Nei giorni 11-14 Novembre 2019, nel Convento S. Antonio di Padova di Sin-el-Fil – Beirut in Libano, si è svolto l’incontro comune dei Definitori della Provincia San Giuseppe Sposo della B.V.M. in Romania e della Custodia provinciale d’Oriente e Terra Santa.

Durante i lavori comuni, coordinati alternativamente da Fra Teofil PETRIŞOR Ministro provinciale e da Fra Anton BULAI Custode provinciale, sono stati trattati argomenti riguardanti la conoscenza reciproca, la vita fraterna e di missione, l’animazione vocazionale, i programmi della formazione iniziale e permanente, la collaborazione tra le due circoscrizioni, le problematiche più stringenti, le prospettive future e l’apertura di nuove vie per vivere e donare il carisma francescano-conventuale nei vari ambiti in cui sono presenti i frati.
Un incontro molto bello e fruttuoso è stato quello con Mons. César ESSAYAN OFMConv, Vicario apostolico di Beirut, che ci ha presentato il contesto della Chiesa locale e anche quello politico ed economico del Libano, che in questi giorni è preoccupante; nella sua residenza poi, c’è stato l’invito a pranzo che è stato un bellissimo momento di comunione e di condivisione francescana.
Nella misura in cui l’orario dei lavori l’ha permesso, c’è stata anche la visita a qualche luogo turistico significativo della zona: tra gli altri, il santuario di Zahle, il Convento e l’eremo dei nostri frati nella stessa località, il santuario nazionale di Harissa, il patriarcato della Chiesa Armena, la grotta di Jeita: una splendida meraviglia naturale del Libano.
L’ospitalità molto calorosa e toccante dei frati e della gente del Libano, l’approfondimento del nostro cammino comune, la condivisione e la gioia di stare insieme, i momenti di preghiera e la celebrazione comune della Santa Messa, la possibilità d’incontrare e di conoscere Fra Massimiliano CHILIN e Fra Jalil HADAYA che hanno mantenuto nella terra del Libano una significativa presenza francescana-conventuale, sono stati dei veri doni di Dio e di reale gioia nel Signore e nello spirito del nostro serafico padre San Francesco.
Un grazie di cuore a tutti i frati del Libano per la loro accoglienza e testimonianza di fede e di vita francescana-conventuale!

Fra Virgil BLAJ Segretario provinciale

Definitorio Comune Libano

Flickr Album Gallery Powered By: WP Frank
06 Ott

Celebrazione speciale a Sin el Fil (Libano)

A frate Antonio, mio vescovo, frate Francesco augura salute. Ho piacere che tu insegni la sacra teologia ai frati, purché in questa occupazione tu non estingua lo spirito dell’orazione e della devozione, come è scritto nella Regola. 

(Lettera d San Francesco a frate Antonio, FF 251 – 252)

 

La celebrazione della festa di San Francesco nella parrocchia di Sant’Antonio di Padova (Sin el Fil, Libano) è stato quest’anno una vissuta speciale.

Un momento rilevante per la comunità è stato vissuto una settimana prima del giorno calendaristico della festa. Domenica, 29 settembre 2019, nella presenza di Mons. Cesar Essayan, Vicario Apostolico dei Latini in Libano, di don Giuseppe Francone, Segretario della Nunziatura Apostolica in Libano, di frati minori conventuali che vivono in Libano, il rappresentante della municipalità di Sin el Fil e di tanti parrocchiani, Mons. Joseph Spiteri, Nunzio Apostolico in Libano ha presieduto una Messa solenne.

Una processione, animata da meditazioni, di preghiere e di canti hanno seguito la celebrazione eucaristica. Durante questo tempo si è contemplato il Poverello d’Assisi chi ha saputo rinunciare a sé stesso per vivere davanti al Signore nell’umiltà.

La processione ha percorso la strada che porta il nome di Sant’Antonio di Padova ed è stata portata fino alla nuova rotatoria dove in mezzo è stato messa una statua di Sant’Antonio di Padova.

La statua è stata benedetta dai due vescovi presenti, Mons. Spiteri e Mons. Essayan, cosi che questo spazio permetterà la contemplazione di quelli che hanno seguito Cristo e che ci sostengono sul nostro cammino.

Rytta S ABBOUD

Flickr Album Gallery Powered By: WP Frank
04 Ott

Visita fraterna nella Custodia d’Oriente e di Terra Santa

Nei giorni tra il 20 e il 28 Settembre 2019, per la prima volta, il nuovo Assistente generale FIMP (Federazione Intermediterranea Ministri Provinciali) Fra Giovanni VOLTAN ha visitato la Custodia provinciale d’Oriente e di Terra Santa nei i suoi quattro Conventi, due in Libano e due in Turchia.

L’arrivo a Beirut è coinciso con la conclusione degli esercizi spirituali annuali, guidati da Fra Tomasz SZYMCZAK Segretario generale, per tutti i frati.
In Libano a Sin El Fil – Beirut è avvenuto il bell’incontro con un vero cedro, Fra Massimiliano CHILIN, patavino d’origine, di 96 primavere (53 delle quali in Custodia), memoria viva della nostra presenza nel Paese. Accanto a lui, il primo discepolo, l’ottantenne Fra Jalil HADAYA, proveniente dalla Chiesa Siriaco-Cattolica, e quindi i giovani Fra Roger KOUYOUMDJI di origine libanese (Vicario custodiale e Parroco), il Guardiano Fra Felician TAMAŞ e Fra Gheorghe-Vasile TAMAŞ rumeni. Assieme, i cinque frati animano la vivace comunità cristiana di Sin El Fil tanto legata al patrono, Sant’Antonio di Padova, con molteplici iniziative pastorali e culturali. Nella sosta di Beirut c’è stato l’incontro con il confratello Vescovo Fra César ESSAYAN. A Zahle, c’è stata la visita alla comunità San Francesco d’Assisi nata nel 2010, come secondo Convento in Libano. Il Guardiano è Fra Iosif-Florin PETRILA (rumeno), libanesi il Vicario e Parroco Fra Elias Paolo MARSWANIAN e Fra Khalil EL KHOURY. Il ministero di questi frati è anzitutto quello di essere presenza umile, con pochissimi parrocchiani e cristiani, in mezzo ai musulmani e l’animazione di un’opera sociale caritativa cui ha fortemente contribuito la Caritas Antoniana, a favore dei profughi e dei più poveri. Vicino al Convento, l’eremo S. Chiara, donato da un benefattore, è spazio per offrire soste spirituali legate al nostro carisma.
In Turchia, a Sent Antuan in Istanbul Fra Giovanni ha incontrato la fraternità Sant’Antonio di Padova composta dal Custode Fra Anton BULAI, Fra Iulian PIŞTA Guardiano, Fra Iosif ROBU Parroco (tutti della Provincia di Romania), Fra Michał SABATURA e Fra Andrzej DYLEWSKI (della Provincia di Varsavia). Con il Custode, ci siamo recati in una casa di accoglienza per anziani gestita da un istituto di suore, ove da alcuni mesi si trova un altro membro della fraternità, Fra Luigi IANNITTO di 98 anni proveniente dall’Abruzzo.
È seguita Büyükdere la comunità Santa Maria, composta da tre frati: Fra Martin KMETEC Guardiano (Slovenia), Fra Lucian ABALINTOAIEI Segretario custodiale e della Conferenza episcopale turca, Fra Mihăiţă HERCIU (tutti della Romania). I nostri frati si trovano ora a servizio di pochi fedeli presso la nostra chiesa dedicata alla Natività della B.V. Maria, conciliando questo servizio con l’animazione culturale (traduzioni, stampa, divulgazione).

Si ringraziano tutti i frati della Custodia dell’accoglienza fraterna ricevuta; riescono a far apprezzare la presenza e il servizio in questa parte di mondo che guarda ad Oriente ove Francesco, pellegrino di pace, incontrò, 800 anni fa, il Sultano.

Fra Giovanni VOLTAN Assistente generale FIMP

Flickr Album Gallery Powered By: WP Frank
25 Set

Libano: esercizi spirituali

Dal 16 al 21 Settembre 2019, la Custodia provinciale dell’Oriente e della Terra Santa ha celebrato gli esercizi spirituali a Kobayat – Libano. I Carmelitani, con un’ospitalità veramente fraterna, hanno aperto le porte del loro centro di ritiri situato nel nord del paese.

Gli esercizi sono stati offerti da Fra Tomasz SZYMCZAK Segretario generale dell’Ordine, che per cinque giorni è stato guida spirituale, attraverso le sue conferenze sul tema del consiglio evangelico e voto religioso dell’obbedienza. Le meditazioni si sono basate sulla Sacra Scrittura, i Padri della Chiesa, i documenti dell’Ordine e il magistero della Chiesa. Fra Tomasz ha aiutato gli ascoltatori a riscoprire la ricchezza dell’obbedienza e a rinnovare il proprio rapporto con il Signore.
Tra le varie iniziative, da ricordare la preghiera del Rosario nel vicino Santuario maronita di Nostra Signora di Fatima ad Andket, dove si può riconoscere la testimonianza della fede cattolica in questa parte araba del mondo.
In 14 hanno partecipato a questi esercizi: dalla Custodia orientale, dalla Provincia di San Giuseppe Sposo della B.V.M. in Romania e un sacerdote diocesano polacco.

Fra Michał SABATURA

 

Flickr Album Gallery Powered By: WP Frank
13 Lug

Messa di ringraziamento a Beirut

Martedì, 2 luglio 2019 a Sin el Fil (Beirut), i frati si sono radunati per dire grazie al Signore per il dono della fraternità. Nel loro camminare, due frati hanno lasciato Libano per dedicarsi ad altri incarichi.

“Siamo tutti invitati a scegliere la nostra barca ed imbarcarci verso un’altra riva in direzione di nuovi orizzonti.” Così fra Dominique, membro della nostra comunità fino alla sua scelta durante l’ultimo capitolo generale come assistente generale CEF, ha iniziato la sua omelia in quel martedì 2 luglio 2019. In questa messa di ringraziamento per il dono di due fratelli, fra Dominique Joseph Mathieu e fra Florin GheorghiţăBogdan, le due comunità di sant’Antonio di Padova (Sin el Fil) e di san Francesco d’Assisi (Zahlé) si sono riunite attorno al nostro custode provinciale di Oriente e di Terra Santa, fra Anton Bulai, per l’eucarestia vespertina nella nostra chiesa di sant’Antonio di Padova (Horch Tabet – Sin el Fil).

Una nutrita assemblea di fedeli si è formata per lodare il Signore e ringraziarlo per il dono dei nostri fratelli. Il servizio liturgico di questa celebrazione comunitaria è stato fatto dai nostri giovani in discernimento vocazionale e l’animazione dei canti dal coro del gruppo scout parrocchiale. Al termine della funzione religiosa, tutti i presenti si sono spostati verso il convento per un’agape fraterna e un’infinità di foto scattate dai vari telefonini. E, dulcis in fundo, la serata riservata alla fraternità sul terrazzo del convento con grigliata, canti e danze…

Con frate Francesco nelle sue Lodi per ogni oradiciamo anche noi: “lodiamolo ed esaltiamolo nei secoli” per il dono dei fratelli. Possano salpare verso altri porti e ritornareinshallah(se Dio vuole in arabo e in turco) nelle nostre terre di Oriente, culla dell’incontro con altre fedi e altre chiese e tradizioni cristiane.

fr. Roger Kouyoumdji

 

Ringraziamento

Flickr Album Gallery Powered By: WP Frank