07 Lug

Pellegrinaggio sui passi di san Massimiliano Kolbe

Tra 21 – 30 maggio 2017, i frati della Custodia Provinciale di Oriente e Terra Santa del OFMConv hanno percorso un cammino spirituale in Pologna sui passi di san Massimiliano Kolbe nell’anno in cui ricordiamo 100 anni dalla fondazione della Militia Immaculatæ.

 

Come ogni anno, anche quest`anno, per i frati della Custodia dOriente e Terra Santa, è stato organizzato un periodo di ritiro spirituale in Polonia. Il ritirio ha avuto un taglio mariano perché in quest’anno si ricordano 100 anni dalla fondazione della Milizia dell’Immacolata da parte di san Massimiliano Kolbe insieme ad altri sei frati minori conventuali a Roma.

Il ritirio, è stato pensato e preparato da padre Martin Kmetec, il nostro Vicario Custodiale, in collaborazione con fra Dariusz Wiśniewski. Ogni partecipante à questo pellegrinaggio ha offerto il suo contributo spirituale con riflessioni e omelie.

La sera del 21 Maggio, con il nostro arrivo nel convento di Varsavia e con l’accoglienza molto gioiosa dei nostri frati polacchi è iniziata la nostra itineranza.  Dopo una visita al centro storico della città padre Dariusz ci ha condiviso una riflessione sulla tema Ebraismo, relazioni con la chiesa, antisemitiso come una preparazione in vista della visita al museo degli ebrei polacchi. Qui, abbiamo avuto la possibilità di capire meglio la storia degli ebrei polacchi, dal loro arrivo in questo paese fino ad Auschwitz con tutto ciò che significa la loro vita religiosa, politica, economica e domestica. Nel pomeriggio siamo andati per una visita e per pregare nella chiesa della Divina Provvidenza.

La nostra presenza à Varsavia si è terminata con una messa celebrata all’altare dedicato alla memoria dei beati martiri Michał Tomaszek e Zbigniew Strzalkowski, due frati minori conventuali martirizzati nel 1991 in Perù.

Con una riflessione intitolata Devozione populare mariana, padre Martin ci ha spiegato come Maria ancor dall’inizio della chiesa fino ad oggi ha avuto in mezzo al popolo di Dio un posto molto importante, sia con una preghiera, sia con un canto o un edificio a Lei dedicato, come figura di Madre di Dio e madre nostra ed è presente sempre nelle nostre vite. Con questa riflessione padre Martin ci ha introdotto nell’atmosfera del santuario della Madonna a Licheń.

La sera, siamo arrivati al seminario di Łódź. Qui, erano riuniti i frati e gli studenti di due provice: Varsavia e Danzica. Ci hanno accolto con tanta gioia e molto affetto fraterno. I frati del convento, vicino al seminario, ci hanno spiegato la storia della chiesa e poi, abbiamo vissuto una bella serata di fraternità.

Prossimo giorno siamo partiti verso il santuario della Madonna Nera à Częstochowa. Qui, siamo arrivati accompagnati da un’abbondante pioggia. Entrati nel santuario, abbiamo avuto la gioia e la possibilità di concelebrare una solenne messa avendo intorno numerosi bambini, che avevano ricevuto Gesù per la prima volta nel loro cuore e un grande numero di pellegrini. Dopo la messa ognuno di noi si è soffermato davanti al quadro miracoloso della Madonna per offrirle preghiere e suppliche.

In seguito presso il convento delle Piccole Sorelle di Gesù fra Iosif Robu ha fatto una riflessione avendo come soggetto Massimiliano Kolbe e la missione. Per San Massimiliano alla radice di ogni missione sta l’amore, un amore che è come una fonte creatrice. Per il Santo, ogni missione ha come centro di partenza il cuore di ognuno di noi.

Pieni di speranza e di consapevolenza che la Madre di Dio, in ogni tempo e’ vicina a noi e ci accompagna sempre, nelle gioie e nelle difficolta’ abbiamo lasciato questo luogo santo e siamo partiti verso Cracovia. Qui abbiamo scoperto le meravigliose chiese della città, la Basilica Arcicattedrale di San Stanislao e San Venceslao sulla collina di Wawel con il Castello Reale, il luogo dove il papa Giovanni Paolo II celebrò la sua prima Messa. Nei pressi di Cracovia abbiamo visitato il Santuario della Divina Misericordia. Qui abbiamo avuto l`opportunità di visitare la tomba di santa Faustina Kowalska.

Fra Anton Bulai ha condiviso una riflessione sulla Divina Misericordia sottoliando il desiderio di Gesù apparso a Santa Faustina con queste parole: “La prima domenica dopo Pasqua è la festa della Misericordia, ma deve esserci anche l’azione ed esigo il culto della Mia misericordia con la solenne celebrazione di questa festa e col culto all’immagine che è stata dipinta”.

Lasciando questi luoghi, siamo andati verso la salina di Wieliczka. Qui abbiamo fatto una visita guidata alla Miniera di sale, una delle più antiche del mondo. Nel pomeriggio siamo arrivati à Wadowice, città natale di papa Wojtyła dove si trova il nuovo museo del Papa, realizzato nell’abitazione dove nacque e visse la sua giovinezza. A sera siamo arrivati al convento dei nostri confratelli a Harmeze. Qui, dopo la preghiera dei vespri, padre Iosif Petrila ci ha tenuto una riflessione sulla vita e l’insegniamento di San Giovanni Paolo II.

Il mattino del 27 maggio siamo arrivati al campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau, il campo di concentramento nazista, fabbrica di orrori e di morte. Qui, ci aspettava una guida di lingua italiana. Vedendo le orme di quell’orrore e sentendo le spiegazioni della guida eravamo senza parole. Abbiamo visto anche il luogo in cui san Massimiliano si offrì in cambio con la vita di un padre di famiglia, per morire in modo atroce, affamato dalle SS, nella cella dove è morto e poi da fuori, vicino alla finestrella abbiamo avuto un momento di preghiera. Il nostro cammino spirituale ha percorso poi il cammino della croce di Gesù portando nel cuori cosi tanta sofferenza del mondo.

Tornando à Harmeze, nella mattinata abbiamo celebrato la messa della Solennita’ dell’Ascensione del Signore e poi siamo partiti verso Niepokalanów. Sulla strada fermandoci per una sosta à Częstochowa, fra Mihăiță Herciu, ha condiviso una riflessione sull’Immacolata Concezione di Maria, rilevando come San Massimiliano propone l’esempio di Maria a tutti i cristiani. L’Immacolata ci mostra che siamo colmi del dono della grazia di Dio che ci dispone ad essere santi e che siamo chiamati al massimo impegno, sul suo esempio, perché si realizzi la nostra via di santificazione.

A sera siamo giunti al convento Niepokalanów fondato da Massimiliano Kolbe. Qui, abbiamo visitato la città dell’Immacolata, con le grandi opere che il santo lì ha rializzato.

Nell’ultimo giorno fra Piotr Szczepanski, Vicario Provinciale della Provincia dei Frati Minori Conventuali di Varsavia e ci ha parlato della vita di San Massimiliano evidenziando diversi aspetti della vita di San Massimiliano, partendo dalla sua missione in Japonia fino a Auschwitz.

 

fr. Mihăiță Herciu

Pellegrinaggio In Polonia

Flickr Album Gallery Powered By: Weblizar